Italia, no agli Ogm

ogmL’Italia è libera di non coltivare Ogm come ha fatto fino ad ora e come chiedono quasi 8 cittadini su 10 (76 per cento) che si oppongono al biotech nei campi. E’ quanto afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo  nel commentare la formalizzazione dell’accordo politico raggiunto dai ministri dell’Ambiente dell’Ue che lascia liberi gli Stati membri di coltivare o di vietare gli Ogm sul loro territorio. Spetterà ora alla presidenza italiana di turno dell’Ue perfezionare la procedura, ufficializzando quella che è una  svolta profonda nel quadro normativo europeo.

“Il divieto di coltivazione da misura provvisoria e legata al principio di precauzione per motivi ambientali e sanitari diventa giustamente – precisa Moncalvo – una decisione permanente assunta sulla base del modello di sviluppo che ogni  singolo Paese intende sostenere. Per l’Italia gli organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura – conclude Moncalvo – non pongono solo seri problemi di sicurezza ambientale e alimentare, ma soprattutto perseguono un modello di sviluppo che è il grande alleato dell’omologazione e il grande nemico del Made in Italy.

L’accordo europeo va ad unirsi al decreto legge nazionale del 24 giugno 2014, n. 91, che ha finalmente previsto le sanzioni a carico di chi semina Ogm che – ricorda la Coldiretti – vanno dalla reclusione da sei mesi a tre anni con una multa che può arrivare anche a trentamila euro. Alle Regioni – precisa la Coldiretti – spetterà di definire, nell’ambito del proprio territorio e sulla base dei rilievi effettuati dagli organi di polizia giudiziaria, modalità e tempi delle misure che il trasgressore dovrà adottare, a proprie spese, per rimuovere le coltivazioni vietate. Il primo efetto del decreto è stata la distruzione delle coltivazioni illegali di mais Mon 810 transgenico da parte del Corpo forestale dello Stato, in collaborazione con la Forestale regionale e su delega della Procura della Repubblica di Udine.

 Secondo una analisi della Coldiretti nell’Unione Europea  nonostante l’azione delle lobbies che producono Ogm,  nel 2013 sono rimasti solo cinque, sui ventotto, i paesi a coltivare Ogm (Spagna, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Romania), con appena 148mila ettari di mais transgenico MON810  piantati nel 2013, la quasi totalità in Spagna (136.962  ettari). Si tratta quindi di fatto di un unico Paese (la Spagna) dove si coltiva un unico prodotto (il mais MON810).

1 Comment

  1. Solo i Paesi interessati a attacchi di piralide potrebbero beneificare dell’unico ogm ammesso alla semina in UE. Ecco perche’ interessa soli i maiscoltori del Sud Europa: nel Nord Europa la piralide non c’e’.
    Non e’ un dettaglio da poco, nel dare un’informazione!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*