Tuttofood indaga Cibo e stile di vita

In occasione del convegno Cibo: trasparenza, salute, identità - le sfide di un consumo consapevole

Il cibo non passa mai di moda, ma anche in questo caso ci sono le tendenze. Scoprirle è il compito di TuttoFood, l’arena dedicata al retail innovativo che approfondisce le tendenze più promettenti. In occasione del convegno Cibo: trasparenza, salute, identità – le sfide di un consumo consapevole, organizzato da Fiera Milano durante Milano Food City nell’ambito di Retail Plaza by TuttoFood, è emerso infatti che il cibo è sempre più una questione di lifestyle.

[kelkoogroup_ad id="13541" kw="cake" /]

I CAMBIAMENTI – Ci sono periodi in cui va più un trend piuttosto che un altro e ultimamente infatti il carrello della spesa è cambiato: vengono acquistate sempre più bevande, largo è il consumo di ortofrutta, ma rimane sempre grande richiesta del cibo confezionato. Il cibo sta diventando un consumo identitario che definisce il nostro stile di vita: la maggior parte delle persone compera ancora nei supermercati e nei superstore (52%), ma l’e-commerce, che permette di fare la spesa da casa, è in rapida ascesa.

CIBO COME LIFESTYLE – Con stile di vita s’intende anche il potere d’acquisto: ci sono i Golden Shopper, ovvero i 4,3 milioni di famiglie che spendono mediamente 3.780 euro, e poi ci sono i Low Price, altrettante famiglie che invece spendono 2.860 euro ed entrambe queste categorie dal 2015 sono aumentate di 2 milioni.

I MILLENNIAL – L’arrivo dei millennial ha cambiato le carte in tavola mettendo in gioco dei consumatori interessati a conoscere i meccanismi del settore, a capire come viene prodotto ciò che mangia e che è disposto a spendere di più per cibi salutari e di maggior qualità, spendendo più facilmente per prodotti artigianali, di origine italiana, senza conservanti, preferibilmente a km zero o poco elaborati. Tanti sono i parametri delle esigenze dei nuovi consumatori insomma, che sempre più scaltri si aggirano per le vie trafficate dei commerci online e non.

INNOVAZIONE E SOSTENIBILITA’ – L’importante è che gli attori della filiera, cercando di rispondere a queste esigenze, riescano a coniugare bene autenticità, innovazione e sostenibilità: “Trasparenza, salute e identità sono le parole chiave per gestire questa complessità -commenta Romolo de Camillis, Retail Director di Nielsen Italia- Il cibo risponde sempre più a bisogni esperienziali e sono in ascesa i consumi identitari come il vegetariano-vegano-flexitariano o i consumi halal e kosher. Le performance di vendita dei prodotti sono quindi legate sempre più alla loro capacità di comunicare un messaggio che coinvolge tutta la filiera”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*