Ruinart Sommelier Challenge – Italian Edition 2018

RUINART, LA PIU’ ANTICA MAISON DE CHAMPAGNE, PRESENTA LA SECONDA EDIZIONE DEL RUINART SOMMELIER CHALLENGE - ITALIAN EDITION 2018

A sx Francesco Mastrogiacomo, vincitore del Ruinart Sommelier Challenge 2018, con Andrea Pasqua, Senior Brand Manager Ruinart

Ruinart, Maison caratterizzata dall’eleganza senza tempo, un perfetto equilibrio tra tradizione profonda e modernità creativa, ha presentato nella capitale meneghina la seconda edizione del Ruinart Sommelier Challenge Italian Edition che, dopo il successo dello scorso anno a Verona, ha visto sfidarsi, in due master class distinte, una sessantina tra i top Sommelier e appassionati e collezionisti di tutta Italia in un’avvincente degustazione alla cieca sotto gli occhi attenti dello Chef de Caves Frédéric Panaïotis e altri due giudici di prestigio, Andrea Grignaffini noto giornalista enogastronomico e Sergio Frasca del Pantaleo di Roma, vincitore del Ruinart Sommelier Challenge 2017.

Il vincitore della sessione Sommelier 2018 è Francesco Mastrogiacomo, sommelier del ristorante Sadler di Milano, che si è aggiudicato un premio di 1000 euro, una magnum di Ruinart Blanc de Blancs, ed un approfondito educational trip di 4 giorni a fine giugno in Champagne con visite alle vigne, degustazioni straordinarie ed esperienze uniche di food pairing in Champagne e a Parigi.

Un’iniziativa fortemente voluta dalla Maison per promuovere l’educazione del vino e avvicinarsi sempre di più al mondo dei sommelier e da questa edizione anche agl’appassionati e ai più importanti collezionisti italiani”, commenta Andrea Pasqua senior brand manager Ruinart.

Il Ruinart Challenge è stato un punto di vista privilegiato per osservare meglio un movimento che va dagli esperti ai wine lovers che è sempre in crescita sia a livello di numeri sia di esperienza e questo grazie e sopratutto ad iniziative come questa”, spiega Sergio Frasca, giudice Ruinart Sommelier Challenge 2018.

La masterclass sullo Chardonnay è stata davver strepitosa e il Challenge molto interessante coniugando al meglio l’aspetto ludico/competitivo e quello nozionistico, un’ iniziativa importante per promuovere l’educazione sul vino molto apprezzata sia dai sommelier che dai collezionisti e appassionati”, aggiunge Andrea Grignaffini, giudice Ruinart Sommelier Challenge 2018

Il Ruinart Sommelier Challenge si è tenuto presso il ristorante Bullona, in via Piero della Francesca 64 a Milano: la ex stazione Liberty del 1929, oggi ristrutturata e trasformata in ristorante esclusivo, è una location che rispecchia perfettamente la pura espressione e i valori della Maison Ruinart, grazie alle sue ampie vetrate che creano dei giochi di luce raffinati e alla presenza di opere d’arte originali che compongono una vera e propria esposizione. Oltre alle due sessioni del Sommelier Challenge che hanno visto sfidarsi trenta sommelier e trenta appassionati di vino, si è tenuto un pranzo in una delle sale della ex stazione Bullona caratterizzata da un imponenete lampadario in vetro in puro stile Ruinart. Due prestigiose Cuvée Ruinart, Dom Ruinart Rosé 2004 e Ruinart Rosé, hanno esaltato le eccellenti proposte gastronomiche a base di pesce proposte dalla Bullona.

Chef de Caves Frédéric Panaïotis durante la degustazione.

Il Ruinart Sommelier Challenge nasce dal desiderio della Maison Ruinart di promuovere l’educazione del vino e celebrarlo in tutta la sua magnificenza e le sue peculiarità cogliendo l’occasione per stringere i rapporti con la categoria dei sommelier e i grandi appassionati italiani aumentando la brand awareness.

I sommelier e gli appassionati che hanno partecipato al Ruinart Sommelier Challenge Italian Edition 2018 hanno degustato alla cieca 4 vini Chardonnay:

  • Ca’ del Bosco Chardonnay 2013
  • Felton Road Chardonnay Bannockburn 2015
  • Chassagne Montrachet 2014 Marc Morey
  • Napa Chardonnay Carneros Red Shoulder Ranch 2014

e partecipato alla master class tecnica sullo Chardonnay e le sue lavorazioni condotta dallo Chef de Caves Frédéric Panaïotis.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*