Perlage, gusto e lusso anche in tavola

Perlage, col suo metodo speciale di saturazione con anidride carbonica naturale, cerca in Italia un distributore

L’acqua di fascia alta Perlage, sponsor ufficiale della Mille Miglia, viene dalla Polonia e in Italia cerca di un distributore che sappia valorizzarla nei migliori ristoranti e hotel della Penisola. Imbottigliata nella regione di Nałczów, conosciuta per il suo particolare microclima e per le spa specializzate nella cura di problemi cardiovascolari o d’ipertensione, Perlage è il nome di un metodo speciale di saturazione con anidride carbonica naturale. In questo processo le bollicine vengono liberate lentamente, rendendo così l’acqua incredibilmente delicata e dal gusto raffinato. È un metodo ideato dall’azienda per creare bollicine simili a quelle dei migliori vini spumanti.

È un prodotto ideale sia per gli appassionati di acqua minerale gassata, sia per chi preferisce l’acqua naturale e grazie alle sue proprietà uniche costituisce un accompagnamento perfetto a pasto: grazie al suo sapore neutro, Perlage si abbina infatti in maniera ideale a ogni piatto e ai migliori vini. Le bollicine e la composizione unica degli ingredienti rendono il suo gusto speciale, mentre l’anidride carbonica naturale e il basso contenuto di sodio favoriscono la digestione grazie al basso contenuto di sodio.

Perlage si dimostra infatti eccellente per tutti gli alimenti ed “è una grande acqua sia per il pranzo sia per la cena. Le piccole bolle conferiscono un sapore sottile e tenerezza, pur non dominando il gusto del cibo”, come afferma anche Michael Mascha, uno degli idrosommelier più conosciuti al mondo, che apprezza in particolare la versatilità di quest’acqua che viene dalla Polonia.

Perlage è un prodotto di livello sia per la qualità della sua acqua e per le sue proprietà organolettiche, sia per il design della bottiglia dal colore blu intenso che accosta all’etichetta tradizionale stampe in rilievo sul vetro. Elegante e raffinata, aggiunge un tocco di classe anche in tavola.

Arianna Pinton

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*