Extra Brut Extra Old la scommessa di Veuve Clicquot

Veuve Clicquot Extra Brut Extra Old è stato pensato come “l’altra faccia” dello Yellow Label.

Per la prima volta nella storia di Veuve Clicquot nasce uno Champagne Extra Brut, un vino che è la summa dell’esperienza dell’intera équipe di enologi della Maison, guidata da dieci anni dallo chef de cave Dominique Demarville. Veuve Clicquot Extra Brut Extra Old è stato pensato come “l’altra faccia” dello Yellow Label, il portabandiera della Maison. E come un “Giano bifronte”, anche l’Extra Brut è stato realizzato -come il Yellow Label- con alcuni dei 450 vini di riserva custoditi nella cantina della Maison.

Si tratta delle annate 2010, 2009, 2008 e 2006, che assieme a quelle storiche, 1996 e 1988, si sono unite in un assemblaggio fresco ed equilibrato, dando vita a un vino il cui basso dosaggio (3 grammi di zucchero per litro) è permesso proprio dalla ricchezza e dalla “grassezza” dei vini di riserva scelti. Ed è questa conservazione sur lie dei vini di riserva che gli dà un ampio ventaglio aromatico e note di brioche con, al contempo, una texture molto cremosa e setosa”.

Con un assemblaggio costituito al 100% da vini di riserva (Pinot Nero, Chardonnay e Pinot Meunier), imbottigliato nel novembre 2013, con un successivo invecchiamento sui lieviti di 3 anni, e sboccato nel giugno 2016, il Veuve Clicquot Extra Brut Extra Old ha una bollicina molto delicata e, come sottolinea Francesca Terragni, direttore marketing e comunicazione Moët Hennessy Italia, nonostante il basso dosaggio non risulta mai troppo secco, al contrario, morbidissimo al palato e, pur con una complessità di annate, freschissimo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*