Norge presenta lo Skrei

Norge ha scelto il ristorante di Enrico Bartolini al Mudec per presentare in anteprima stampa a Milano il suo nuovo pregiato prodotto destinato finalmente anche al mercato italiano, lo Skrei. Si tratta del merluzzo artico norvegese (gadus morhua), che ogni anno, lasciate le fredde acque del mare di Barents, ariva sulle frastagliate coste della Norvegia, in un viaggio alla ricerca del compagno o della compagna con cui riprodursi e poi depositare le sue uova.

Il logo Skrei® è il marchio ufficiale che certifica unicamente questo pesce e che ne garantisce la normative. Infatti, per ottenere questa certificazione, lo Skrei ha necessità di possedere alcuni requisiti, come quello di essere stato pescato, adulto, allo stato selvatico fra gennaio e aprile e di essere in perfette condizioni – nessuna intaccatura, o abrasione o danno di alcun genere.

Lo skrei è caratterizzato da carni delicate e tenere, compatte, con cui durante la serata si è cimentato Bartolini, alla presenza dell’ambasciatore di Norvegia in Italia Bjørn T. Grydeland e di Trym Eidem Gundersen, Direttore Italia del Norwegian Seafood Council. Lo chef ha creato per l’occasione un menu che riuscisse a esaltare le caratteristiche di questo eccezionale merluzzo. Si è partiti con Skrei al vapore con mela e pepe di Sichuan Illusione di edamame, antipasto molto delicate che è riuscito ad esaltare la grande tenerezza della carne del pesce, senza sovrastarne il gusto. Altrettanto riuscito il Ristretto e mantecato di Skrei accompagnato da ocra Shiso verde e finger lime, che, grazie al brood ristretto di Skrei ha illustrato appieno il sapore particolere del merluzzo. In menu, anche i Ravioli di Skrei con salsa di arachidi Semi di mostarda alla rosa bulgara e lo Skrei arrosto con zucca, caffè, arancia e zibibbo.

Si è terminato con la Tra Tatin e millefoglie di mele Golden apple whisky sour del bravissimo pastry chef di Bartolini, Antonino Maresca. In abbinamento alla cena 4Note, Collio Doc, di Cantine Beladea annata 2015 e l’elegantissimo Riesling Hugel, App. Alsace Controlée, vendemmia 2012.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*