#chiantigustalofresco per bere rosso anche d’estate

Il Chianti punta sull’estate. La stagione meno propizia per i vini rossi può dare maggiori soddisfazioni. Di questo ne è convinto il Consorzio Vino Chianti che vuole raddoppiare le vendite nel prossimo triennio nei settemila punti vendita della grande distribuzione.

Per raggiungere l’obiettivo ha presentato la campagna #chiantigustalofresco che prevede il coinvolgimento della Gdo. A partire da questo mese nei punti vendita Conad e a luglio nei punti vendita Coop, il consumatore potrà essere informato sulle corrette modalità di consumo del Chianti durante la stagione estiva supportato anche dall’omaggio del braccialetto che misura la temperatura di servizio che nel caso del rosso toscano è di 16 gradi.

chianti-1

Le stime del Centro studi del Consorzio, dicono che la vendita del Chianti in Italia da maggio ad ottobre rappresenta il 40% delle vendite annuali che arrivano a circa cento milioni di bottiglie. Di queste trenta milioni rimangono in Italia con il 55% nel canale della distribuzione moderna e il 45% nel libero mercato. Su 16 milioni di bottiglie destinate alla grande distribuzione, le aree principali di vendita sono il Nord-ovest, Lombardia, Lazio e Toscana.

La campagna è parte di un progetto che prevede, oltre a un Vinitaly toscano, anche un potenziamento della produzione. Oggi il Consorzio del vino Chianti conta oltre 3.600 produttori con oltre 15.500 ettari di vigneto distribuiti fra Arezzo, Firenze, Pisa, Pistoia, Prato e Siena. Entro i prossimi 7-10 anni la produzione dovrebbe passare da 800mila a un milione di ettolitri con 140 milioni di bottiglie.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*