Hortāri, spumante abruzzese

Si chiama “HORTRI ” la nuova linea di Spumanti Metodo Classico presentati da Codice Citra a Vinitaly 2016.  Lasciati a riposare sui lieviti per 12 mesi e proposti in versione Nature, sono ottenuti da alcuni tra i più noti vitigni autoctoni abruzzesi: Pecorino e Montonico (bianchi) e Montepulciano (rosso) che danno vita a spumanti da monovitigno autoctono.

Citra

“Partito nel 2014, il nostro percorso nel settore delle bollicine, commenta Lino Olivastri, enologo responsabile della spumantizzazione in Codice Citra, sta dando i suoi primi risultati: gli spumanti Hortāri, dopo soli dodici mesi di sosta sui lieviti, testimoniano la predisposizione dei nostri vitigni alla spumantizzazione; sono infatti giovani, pronti al consumo e particolarmente adatti a tutto pasto ”. “Il nome che abbiamo dato a questa prima gamma di Metodo Classico, “Hortāri”, prosegue Olivastri, vuole esprimere il senso dell’esortazione alla sperimentazione e alla sfida: e i primi risultati ci lasciano ben sperare in un pieno successo”. “La scelta del dosaggio zero, conclude Lino Olivastri, è stata voluta proprio per valorizzare appieno le qualità dei nostri vitigni che, nella spumantizzazione, stanno trovando una nuova vocazione: gli spumanti Hortāri rispondono perfettamente alle aspettative, interpretando le uve in modo creativo e rigoroso al tempo stesso: si va dai sentori di timo, salvia, acacia e mandarancio  del Pecorino, alle note di ginestra, albicocca e agrumi del Montonico, fino agli aromi di rosa, ciliegia e nocciola del Rosé da uve Montepulciano. Tutti accomunati da una nota finale di biscotto che ne esalta la fragranza”. Dopo la festosa accoglienza ricevuta a Vinitaly, gli spumanti “Hortāri” sono attesi al debutto sulla scena internazionale: saranno infatti presentati alla rassegna “Bulles Expo”, prima Fiera Internazionale dei vini effervescenti, che avrà luogo a Parigi il 20-21 giugno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*