Con My Cheffy, il cuoco è a domicilio

La rivoluzione tecnologica apre nuove frontiere di business anche per gli chef. In questo caso l’idea è di noleggiarne uno a domicilio per proporre cene di livello anche a casa. L’idea è di tre giovani studenti della Liuc (Università Carlo Cattaneo di Castellanza, in provincia di Varese) che hanno fondato My Cheffy, una startup che prende ispirazione da esperienze come quella di Kitchensurfing, il servizio di cuochi on delivery diffuso a New York.

Cuoco a domicilio

Inizialmente operativa nell’area di Milano, ma l’obiettivo è Londra, My Cheffy prevede una piattaforma web che permetta di  acquistare online i menu che gli chef prepareranno a domicilio. “Per ora abbiamo a nostra disposizione un team di 10 cuochi referenziati, ma il nostro obiettivo è selezionarne altri direttamente dalle grandi scuole professionali di cucina, con l’aumento della domanda del servizio”, ha dichiarato William Selmo, Ceo di MyCheffy. Fra i soci c’è anche Luigi Cassago, giovane chef varesino, già maitre cocolatier della Lindt per Expo 2015. Cassago è il responsabile della creazione dei menu tutti realizzati con ingredienti biologici. I cuochi si presentano a casa con con tutto l’occorrente con cibo e attrezzatura professionale che sono pagati a parte. Alla startup va una percentuale sul prezzo finale mentre il resto va al cuoco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*