Simone, Daniele e Carlo hanno fatto Bahm

Metti uno dei borghi storici più belli a meno di un’ora da Roma, un’acqua limpida di sorgente, un antico lavatoio del ‘700 recuperato in chiave postindustriale, tre giovani appassionati di birre, e l’affascinante avventura prende il via. Hanno fatto Bahm (questo il nome del locale, tel. 06.9571797), è il caso di dirlo, Simone, il mastro birraio, con Daniele e Carlo, aprendo pochi mesi fa questo birrificio artigianale appena fuori dallo splendido centro storico di San Vito Romano tutto scale e vicoletti pittoreschi. Sei tipi di birre dalla Molesta, una birra Apa di punta alla Malasuerte, una Stout, prodotte nel laboratorio a vista separato da una vetrata dagli ambienti della birreria dove si degusta e si apprezza anche la mano felice di Carlo in cucina. L’attenzione sulla scelta delle carni per gli hamburger è massima, lo stesso per le fritture, le verdure sono degli orti tutt’intorno, formaggi e salumi, serviti sui taglieri, sono prodotti a km 0. Il pane viene fatto fare nell’antico forno. Una realtà di qualità insolita che ancora non imbottiglia ma che si è imposta subito ben oltre la cerchia locale tanto da lanciare tra pochi mesi un altrettanto insolito abbinamento tra birra e una band cult della scena alternativa del rock capitolino dal nomen omen Beer Brodaz, per la quale il trio di Bahm produrrà una birra ad hoc da vendere agli eventi live.

Schermata 2016-01-12 alle 12.16.06 Schermata 2016-01-12 alle 12.16.14

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*