Madeleine, gastronomia francese a Roma

“Dolci che diventassero l’espressione di un desiderio…”, come la Madeleine d’altronde… Sembra racchiudersi qui il segreto di quello stesso “delizioso piacere” che aveva pervaso Marcel Proust. Invece che briciole di pasticcino, però, Dario Nuti, pastry chef di Madeleine Salon de Gastronomie (tel. 06.3728537), novità glamour tra i locali capitolini, prepara e confeziona bellissimi e squisiti monoporzione come il Tartufo di tiramisù con pate choux; la Tarte al carbone vegetale con cremoso al caramelia; la Bavarese al mango e cuore al passion  fruit e ovviamente i Macarons in mille gusti diversi, oltre alle tante versioni di Madeleine. E’ nella pasticceria il cuore pulsante di questo Salon de Gastronomie nel quartiere Prati che tra carta da parati in stile chinoiserie e boiserie realizzata su disegni originali ricrea uno spaccato di Belle Epoque. La squadra è rodata e avvezza a locali di successo, a cominciare da Giancarlino (Goa e Caffè Propaganda) per proseguire con Benny Bedussa del Blu di Fregene. Per non parlare dei bartender vere e proprie firme dei miscelati. E, last but not least, la consulenza di Riccardo Di Gacinto in cucina dove impera la tradizione italiana e romana unita alle suggestioni francesi. Semplicità ma grande struttura e sapore in ogni piatto. Tra le proposte: l’Uovo biologico pochet, patate e chorizo, la Crepe alla carbonara, il Tortello di brasato e mostarda di frutta; Pollo di Bresse al ferro da stiro a carbone e il Brasato di chianina alla pizzaiola. E non poteva mancare una Madeleine salata con broccoletti, aglio e olio, burro e alici.aa aaa Schermata 2016-01-12 alle 12.12.09

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*