Bertani Domains acquisisce Fazi Battaglia

Vigneto San Sisto con scritta

Fazi Battaglia, la storica azienda marchigiana di Cupramontana (An), è stata acquisita da Bertani Domains, società del Gruppo Angelini che riunisce Bertani, Puiatti, Val di Suga, Trerose, San Leonino, Collepaglia. La Fazi Battaglia, nata nel 1949, ha da sempre legato il suo nome al vino più noto delle Marche, il Verdicchio dei Castelli di Jesi. Non a caso, la tipica bottiglia a forma di anfora, che identifica il Verdicchio, è stata ideata proprio dall’azienda di Cupramontana. Bertani Domains avrà a disposizione i 130 ettari di vigneti eccellenti, con suoli, altitudini ed esposizioni diverse che danno vita alle differenti interpretazioni di uno dei più eclettici e versatili vitigni autoctoni. “Un’acquisizione che ha tanti valori e significati -spiega Emilio Pedron, amministratore delegato di Bertani Domains- ma che prima di tutto noi consideriamo perfettamente coerente con la nostra mission e la nostra filosofia produttiva. Una filosofia che potremmo sintetizzare nel costante intento di produrre vini eccezionali che comunicano l’individualità di ogni proprietà, le vocazionalità di ogni territorio, le caratteristiche autentiche ed identitarie di ogni vitigno che coltiviamo. Il tutto attingendo alla creatività, al talento e alle competenze che abbiamo a nostra disposizione”. Caratteristiche che contraddistinguono l’azienda marchigiana, una delle pochissime realtà produttive il cui nome è legato, non solo alla sua regione di appartenenza, ma in maniera più ampia all’identità di un Paese e a ciò che essa evoca. “Infatti, da quasi 70 anni Fazi Battaglia non solo evoca vini di grande qualità, ma anche quello stile italiano, quel modo di essere e di vivere che ci ha reso popolari in tutto il mondo”, ribadisce Pedron. Dal punto di vista commerciale Bertani Domains assume la distribuzione di tutti i mercati esteri e del canale Horeca Italia, mentre continuerà fino alla fine dell’anno la collaborazione con Campari per il canale moderno Italia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*