Berlucchi premia Caterina Ceraudo

Berlucchi, nel corso dell’11ma edizione di Identità Golose ha avuto il piacere di premiare con il riconoscimento Identità Donna la giovane chef calabrese Caterina Ceraudo. Uscita dalla Scuola di Alta Formazione di Niko Romito, non ancora trentenne ha preso le redini della cucina del Dattilo, rinomato ristorante gestito dalla sua famiglia a Strongoli in provincia di Crotone. Caterina, oltre a essere uno chef di grandissimo talento, è anche una grande intenditrice e appassionata di vini, come testimonia la sua laurea in enologia, conseguita nel 2011. La contraddistingue anche il grande amore per la sua terra, la Calabria, che porta in tavola attraverso l’utilizzo di materie prime locali di provenienza naturale, utilizzando pochi elementi, cercando di esaltarne i sapori semplici.

Cristina Ziliani e Caterina Ceraudo

A premiarla per Berlucchi è stata Cristina Ziliani, responsabile comunicazione della storica cantina di Borgonato, che le ha anche consegnato una magnum di Franciacorta Franco Ziliani 2007, una limited editon nata per festeggiare una doppia ricorrenza: gli 80 anni di Franco Ziliani, padre del Franciacorta, e i 50 anni dalla creazione della prima bottiglia di Pinot di Franciacorta, frutto della vendemmia del 1961. “È una grande emozione consegnare il nostro premio a Caterina, giovane e promettente chef con in più la passione per il vino” ha detto Cristina Ziliani, nel corso della premiazione. “Come omaggio non potevamo che scegliere la magnum che abbiamo dedicato a nostro padre in occasione dei suoi 80 anni, nel 2011. Un blanc del blanc annata 2007, Chardonnay in purezza. Una magnum che celebra la passione di un giovane enologo che con impegno e dedizione è riuscito a trasformare il proprio sogno in realtà, dando vita a un fenomeno che ha profondamente inciso sul destino della Franciacorta. I nostri più sinceri auguri quindi a Caterina affinché anche lei, con il suo talento e la sua passione possa realizzare pienamente i propri sogni e portare lustro alla sua magnifica terra, alla quale è tanto legata”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*