Stop all’import di riso: la protesta dei produttori blocca le piazze

Se non si ferma l’importazione selvaggia di riso a dazio zero dai PMA la risicoltura subirà un tracollo permanente e con essa è a rischio tutto l’equilibrio idrogeologico di una vasta zona compresa nelle regioni piemontesi e lombarde.

riso-sisDucato web

I dati sono significativi: i prezzi di mercato delle varietà di riso Lungo B (indica), quelle che maggiormente e più direttamente subiscono la concorrenza dei risi di importazione dalla Cambogia in particolare, sono scesi in picchiata passando dai 26 euro/qle dello scorso febbraio, agli attuali 22,5, e non coprono assolutamente, pur comprendendo l’aiuto diretto Pac, i costi di produzione; inoltre esistono ancora ingenti quantitativi di prodotto nei magazzini dei risicoltori.

Le importazioni di riso lavorato nell’Unione europea nell’ultima campagna di commercializzazione sono aumentate di 100 mila tonnellate, di cui 84 mila provenienti dai Paesi Meno Avanzati (PMA) e quindi a dazio zero.

Per questo le Organizzazioni agricole, Confagricoltura e CIA delle principali province risicole, con l’adesione delle industrie risiere (AIRI), delle riserie artigiane (Confartigianato) e delle associazioni dei Mediatori, sollecitano la Commissione europea, che sarà chiamata a pronunciarsi sul Dossier, alla cui definizione le stesse Organizzazioni hanno contribuito fattivamente, che sarà a breve presentato a Bruxelles dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), ad introdurre la clausola di salvaguardia ai sensi delle disposizioni del Regolamento Ue n. 978/2012  per porre un limite quantitativo alle importazioni di riso proveniente dalla Cambogia.

Per sottolineare lo stato di disagio dei risicoltori e ricordare ai nostri rappresentanti politici in Europa l’urgenza di salvaguardare la risicoltura, il mondo agricolo scenderà in piazza nelle principali Borse merci delle province risicole, nei giorni lunedì 14 luglio a Novara, martedì 15 a Vercelli al mattino e a Milano nel pomeriggio, il 16 a Pavia e venerdì 18 luglio a Mortara.

I produttori agricoli intendono ricordare che senza le opportune difese alle frontiere dal prodotto proveniente da agricolture dai costi di produzione nemmeno lontanamente comparabili con quelli europei, la risicoltura italiana rischia di essere fortemente ridimensionata, mettendo in pericolo un intero territorio e l’insieme della filiera, con gravi ripercussioni sul tessuto economico ed occupazionale.

Va riconosciuta in termini concreti la valenza ambientale della risaia e la sua importanza vitale per il regime delle acque superficiali e sotterranee dell’intera pianura padana. Una risicoltura ridimensionata, a cascata, esplicherebbe i suoi effetti anche sui Consorzi irrigui e sul territorio, in quanto i risicoltori non avrebbero più interesse a mantenere quella rete irrigua che, fino ad oggi, ha salvaguardato il territorio da dissesti idrogeologici e da alluvioni che con sempre maggiore frequenza si manifestano in altre zone.

(fonte Confagricoltura)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*