In vendita le “terrevive”

Il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, ha firmato il decreto ‘terrevive” che consente la messa in vendita o in locazione di 5.500 ettari di terreni agricoli pubblici con prelazione agli under 40. Il provvedimento, di concerto con il Mise, spiega una nota del mipaaf, individua i terreni che appartengono al Demanio (2480 ettari), al Corpo forestale dello Stato (2148) e al Cra-Consiglio per la ricerca e sperimentazione in agricoltura (882).

agricoltura

Ai terreni alienati o locati non potrà essere attribuita una destinazione urbanistica diversa da quella agricola prima di 20 anni dalla trascrizione dei contratti nei pubblici registri immobiliari. ”È la prima volta in assoluto – dichiara Martina – che terreni pubblici statali vengono coinvolti in un progetto di questa portata per incentivare il ricambio generazionale e l’imprenditorialità giovanile in campo agricolo; nei prossimi mesi proseguiremo questo lavoro anche con le Regioni e i Comuni, che potranno dare nuova vita al loro patrimonio di terre agricole incolte. Vogliamo rendere di nuovo produttive tante terre, troppo spesso frazionate, che potranno contribuire al rilancio del settore”.

Il decreto, precisa il ministro, si inserisce nel piano che questo Governo sta portando avanti nell’agroalimentare e si coordina con le azioni di ‘Campolibero’ approvato la scorsa settimana al Senato, come i mutui a tasso zero per i giovani e la detrazione del 19% per affitto di terreni da parte degli under 35.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*