Donne in pausa pranzo: w la pasta

Una donna in pausa pranzo fa di tutto, riuscendo anche a trovare un momento per sé: va dal parrucchiere, fa shopping, va in palestra. L’intervallo lavorativo per l’86% delle donne italiane è un’ora ricca di possibilità da sfruttare al massimo, una sorta di “25ma ora” che arricchisce ed espande il tempo della giornata. E quando mangia una donna nel 52% dei casi sceglie la pasta nel pasto fuori casa. E’ quanto emerge dalla ricerca effettuata da Doxa Duepuntozero per McDonald’s su 1.000 donne tra i 18 e i 54 anni in tutto il territorio nazionale.

donna pasta

L’Italia, secondo l’indagine, si spacca tra chi preferisce portarsi il pranzo da casa (48%) e chi invece esce per “evadere” dall’ufficio (52%), scegliendo il bar (36%), il fast food (27%, con un picco del 33% al Sud) e il ristorante (23%). A tavola il 52% delle intervistate dichiara di mangiare spesso la pasta (seguono le insalatone al 38% e i panini al 30%), considerata dal 49% del campione la scelta più sana tra i piatti tipici simbolo della pausa pranzo in Italia (la pizza si ferma al 28% e il panino al 23%). Pasta top of mind per la pausa pranzo delle Italiane, quindi, che nel 62% dei casi tra le intervistate si dichiara molto entusiasta del fatto che la pasta sia presente nell’offerta dei fast food.

Per quasi tutte la pausa è social: non solo si passa del tempo con i colleghi, ma anche (e contemporaneamente) si chatta sui social network nel 56% dei casi, percentuale che sale al 65% al nord. Un altro 41% invece parla al telefono, con un picco del 51% in centro Italia, dove troviamo le donne più “chiacchierone”. In sintesi, incrociando i dati sulle abitudini, dalla ricerca emergono 3 tipologie di donne: quella che “il lavoro prima di tutto”, sempre connessa e carrierista (45%) o la donna “multitasking”, dedita agli altri e che usa la pausa per organizzare la vita di tutta la famiglia (30%) o la donna che non rinuncia a se stessa, e che usa la pausa pranzo per ritagliarsi un momento tutto suo nella giornata frenetica (25%)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*