Bergamo, 16 giorni di scienza

 

bg scienzaDal 4 al 20 ottobre 2013 si svolgerà la XIedizione di BergamoScienza, che lo scorso anno ha registrato 123.900 presenze. La rassegna di divulgazione scientifica propone conferenze, spettacoli, concerti, laboratori, mostre, open days e incontri con Premi Nobel, scienziati di fama internazionale e ricercatori. Tutti gli eventi sono aperti gratuitamente al pubblico.

Novità di quest’anno è il sodalizio con il World Science Festival di New York; il suo co-fondatore e direttore, il fisico Brian Greene, sarà protagonista di uno degli incontri in programma sabato 5 ottobre in videoconferenza da Amsterdam.

Tra gli ospiti, i Premi Nobel per la Fisica Claude Cohen-Tannoudji (1997) e Frank Wilczek (2004) e per la Medicina e Fisiologia Jack W. Szostak (2009).

Inoltre: l’astrofisico Marcello Coradini;i fisici Enrico Flamini, Fabiola Gianotti e John Pendry; l’esperto di neuroetica Neil Levy; il neuroeconomista George Lowenstein; la geologa Karen Mc Bride; il filosofo della scienza SamirOkasha; l’esperto di strategia climatica Jorgen Randers; la geofisica Maria Zuber.

L’ormai consueto appuntamento “a tema” è fissato domenica 20 ottobre per la chiusura di BergamoScienza. La giornata, dal titolo Nutriamoci di scienza, presenterà conferenze, laboratori, spettacoli e incontri dedicati all’alimentazione.

L’indagine condotta sul cibo toccherà aspetti molto diversi: di agricoltura nell’antica Mesopotamia parlerà l’archeologo Roberto Maggi; il cibo come fonte di energia sarà al centro dell’intervento del chimico Piero Morandini; l’astronauta Samantha Cristoforetti e l’astrofisica Simonetta Di Pippo racconteranno i pasti nello spazio; il sociologo Massimiano Bucchi e il ricercatore della Fondazione Edmund Mach Fulvio Mattivi tratterannoinvece la scienza del vino e la sua genetica.

È a cura di CESVI la conferenza organizzata nell’ambito di Food Right Now, campagna europea di sensibilizzazione contro la fame nel Sud del mondo e sulla promozione del diritto al cibo per tutti. In questa occasione si parlerà anche di sfruttamento delle risorse alimentari del pianeta e del paradosso per cui, a livello globale, i bambini obesi superano di gran lunga quelli sottopeso.

A quante calorie corrisponde un mazzo di carte? Al peso di quale oggetto “casalingo” deve corrispondere un piatto di pasta? Nel laboratorio a cura dell’ASL di Bergamo, si imparerà a sviluppare l’attenzione alle corrette porzioni di cibo e a dosare gli alimenti senza l’uso della bilancia.

In linea con il filo conduttore della giornata è anche lo spettacolo per i più piccoli Operina dedicata al cibo.

Gli eventi di BergamoScienza porteranno i visitatori nei luoghi più belli di Città Alta e Città Bassa, tra teatri, piazze, palazzi storici, chiese, chiostri e musei. Come sempre il festival non coinvolgerà la sola città di Bergamo, ma si estenderà ai comuni limitrofi (Albino, Clusone, Dalmine, Gazzaniga, Gorno, Nembro, San Giovanni Bianco, Seriate, Stezzano, Telgate, Trescore Balneario, Treviglio) grazie anche alla partecipazione di numerosi Istituti scolastici della Provincia.

Il calendario degli eventi è online su: www.bergamoscienza.it

Tutte le iniziative sono gratuite e aperte al pubblico fino ad esaurimento posti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*