Le avventure di Jean Jacques con i tappi

Diam-BouchangeSi chiama Jean Jacques ed è il prototipo del consumatore tipo amante del buon vino, il protagonista della nuova campagna web di Diam Bouchage, colosso multinazionale dei tappi tecnici in sughero che ha sede in Francia a Cerèt e a San Vicente de Alcantara nell’Estremadura spagnola e presente in Italia grazie alla propria filiale Italia Diam Sugheri ed il gruppo Paolo Araldo e Belbo Sugheri di Calamandrana (AT).

Una rassegna di mini-storie che lo vedono protagonista insieme ad altrettante bottiglie di vino che all’apertura riservano brutte sorprese… a causa del tappo non idoneo alla sua ottimale conservazione. La soluzione alle perplessità di Jean Jacques è la vasta gamma di tappi Diam Bouchage, guardiani degli aromi che garantiscono freschezza e purezza sensoriale, pensati ciascuno per una tipologia diversa di vino: dal Mytik Diam per gli spumanti e i vini frizzanti, all’Altop per i vini liquorosi ma soprattutto i classici Diam per vini fermi, da Diam 2 fino a Diam 15 pensato per i grandi vini da invecchiamento.

Diam Bouchage  produce tappi in sughero la cui tecnologia permette di conservare il vino in bottiglia a lungo e in questa nuova campagna per il web piuttosto che presentarsi con un lungo elenco di elementi tecnici, ha scelto di rivolgersi a tutti i professionisti del settore e a tutti gli estimatori del vino con ironia, raccontando con piccole storielle umoristiche l’importanza dell’elemento tappo nella conservazione del vino.

La saga delle avventura di Jean Jacques si possono seguire sul sito www.wildwineworld.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*