90 anni di Baci e di messaggi d’amore

Il primo bacio non si scorda mai. Soprattutto se sa di cioccolato. E così, dopo 90 anni, i Baci Perugina accompagnano le storie di innamorati golosi. Era il 1922 quando Luisa Spagnoli provò a impastare la granella di nocciola, residuo delle lavorazioni, aggiungendo una nocciola intera e ricoprendola con il cioccolato. Il tutto con l’obiettivo di contenere i costi di produzione. Il risultato fu sorprendente. Per la forma, simile a una mano chiusa, il cioccolatino fu chiamato Cazzotto.

[kelkoogroup_ad id="13541" kw="cake" /]

Fu Giovanni Buitoni a cambiargli nome e quando poi il creativo Federico Seneca propose di inserire nell’involucro un biglietto d’amore, la strada per il cioccolatino degli innamorati era stata tracciata.

Biscotto della fortuna in chiave più golosa e romantica, il Bacio Perugina porta in giro le frasi d’amore più belle, diffondendo l’idea che non c’è limite alla forza della dolcezza. In fondo è da un “cazzotto” che è nato un Bacio…

I numeri dei Baci Perugina

300 milioni
i Baci venduti ogni anno

1.500
i Baci Perugina prodotti al minuto

55
i Paesi in cui viene esportato

1 milione
i fan su Facebook

Messi tutti in fila i Baci Perugina venduti finora farebbero 10 volte il giro della Terra

www.baciperugina.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*