I sapori d’India trovan casa in Svizzera

Jagpreet Singh Alang

Sapori freschi, design green e un’atmosfera piacevolmente contemporanea: questi gli highlights del Giardino Lounge e Ristorante di Ascona, delizioso angolo-food sulla sponda svizzera del lago Maggiore. Ma per questa primavera è in arrivo un’interessante novità in cucina: un nuovo chef, direttamente da New Delhi. Jagpreet Singh Alang – 29 anni – porterà un tocco speziato alla proposta gourmet del locale. Nel suo curriculum ci sono diversi hotel di prestigio, come il The Grand New Delhi e ancora il leggendario Shangri-La New Delhi. Ma il giovane chef è stato anche in Cina, a Pechino, dove ha viziato gli ospiti dello Shangri-La China World Hotel. Pieno di entusiasmo, Jagpreet Singh Alang prenderà “possesso” della cucina a partire dal primo di maggio. In menu, dunque, ci saranno alcune proposte esotiche, accanto alle classiche specialità mediterranee che hanno sempre caratterizzato l’offerta gastronomica del ristorante ticinese.

Uno spazio di design, progettato da Matteo Thun, perfetto per un light lunch, un tè pomeridiano, un aperitivo o una cena romantica: questo è il Giardino Lounge e Ristorante, l’avamposto cittadino – si trova in pieno centro ad Ascona – di Giardino Hotelgroup, il gruppo svizzero che “firma” anche l’Hotel Giardino (sempre ad Ascona), e i nuovissimi Giardino Mountain (St. Moritz) e Giardino Lago (Minusio). Comodi divanetti, tavolini all’aperto e un bancone accogliente caratterizzano “esteticamente” questo luogo, che unisce bar, ristorante e lounge. Ma è il Glamorous Garden l’angolo più affascinante, con le sue pareti verdi, fatte di piante e fiori veri: un giardino verticale a tutti gli effetti, lungo 12 metri e alto 3, che crea uno spazio ampio e rilassante. Il tutto sempre perfettamente in linea con l’identità di Giardino Hotelgroup, basata su sostenibilità e qualità della vita.

Giardino Lounge e Ristorante
viale B. Papio 1, Ascona, Svizzera
tel. +41 (0) 91 791 89 00 – www.giardino-lounge.ch
Aperto ogni giorno dalle 8 del mattino fino all’una di notte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*