A Bolzano i migliori autoctoni

Sono ufficiali i nomi dei premiati della selezione “Autoctoni che passione!” curata, nell´ambito di Autochtona 2011, da una giuria internazionale presieduta da Fabio Giavedoni (Guida Slow Wine).

Un verdetto tutt’altro che scontato, vista l’alta qualità delle quasi 300 etichette presenti a questa ottava edizione del forum dei vini autoctoni, ospitato fino a giovedì nei padiglioni di Fiera Bolzano, in contemporanea con Hotel, 35esima fiera internazionale specializzata per alberghi e gastronomia. La giuria ha scelto i migliori tra i vini in rassegna, che sono stati giudicati secondo i criteri di qualità e adesione alle caratteristiche del vitigno e del territorio di provenienza.

Ecco quindi i vincitori. Il premio “Miglior vino rosso” è andato al Valle D´Aosta doc Fumin Vigne La Tour 2007 dell´azienda Les Cretes di Aymavilles (Ao). L’azienda Orsi – Vigneto San Vito di Monteveglio (Bo) si aggiudica invece il riconoscimento “Miglior vino bianco”, con il Pignoletto classico Vigna del Grotto 2010. Il “Miglior vino dolce” è risultato essere il Moscato di Scanzo 2008 dell’azienda di Scanzorosciate (Bg) Magri Sereno, mentre il premio speciale Terroir è andato al Naigar Tèn Negrettino 2009 della cantina Gradizzolo di Monteveglio (Bo). Due le nuove categorie inaugurate in questa edizione: il premio “Migliori bollicine”, assegnato al Lambrusco di Modena Spumante metodo classico 2009 della Cantina della Volta di Bomporto (Mo), e il “Miglior vino rosato”, che è risultato essere il Garda Chiaretto classico Primovere 2010 dell’azienda agricola L´Ulif di Polpenazze del Garda (Bs).

Oltre al presidente Giavedoni, la giuria è coordinata da Pierluigi Gorgoni, responsabile degustazioni Spirito Di Vino e autore della guida Vini d’Italia de L’Espresso e composta da Christian Eder, editor Italia della rivista Vinum, Veronika Crecelius, responsabile Italia di WeinWirtshaft, Guido Montaldo, giornalista delle riviste Bargiornale e Ristoranti – Imprese del Gusto del gruppo 24 Ore e Toni Lercher, delegato dell’Associazione Vinarius e titolare dell’Enoteca dell’Orologiaio di San Candido (BZ). Segretario di giuria e curatore del premio è il giornalista Alessandro Franceschini del bimestrale Spirito di Vino.

Ma “Autoctoni che passione!” non finisce qui. I sei vincitori saranno invitati a presentare i vini premiati in una serie di esclusive serate presso il ristorante di prossima apertura dello chef Marcello Leoni a Bologna. Durante le serate di degustazione, che si terranno nella primavera 2012,  le sei aziende vincitrici potranno guidare gli assaggi dei rispettivi vini, illustrandone le caratteristiche a un  pubblico selezionato. I vini saranno in vendita per una settimana a prezzo speciale presso il negozio annesso al ristorante Leoni e all’interno dell’Osteria.

Ad Autochtona, il forum dei vini autoctoni di Fiera Bolzano, sono presenti alcune delle migliori etichette di vini provenienti da vitigni italiani, portato da oltre 100 aziende. L’appuntamento è a Fiera Bolzano fino al 20 ottobre.

IL LAGREIN VA IN SCENA AD AUTOCHTONA: PREMIATI VAJA E MAYR

I riconoscimenti sono stati assegnati al termine dell’iniziativa Tasting Lagrein, la degustazione comparativa dedicata a questo vitigno, realizzata grazie alla collaborazione di FWS – Associazione Vignaioli dell’Alto Adige negli spazi espositivi di Fiera Bolzano.  Per la categoria Lagrein, il premio è andato al Sudtiroler Lagrein Glassier 2009 di Stefan Vaja, mentre per la categoria Lagrein Riserva ha primeggiato il Sudtiroler Lagrein Riserva 2008 di Josephus Mayr.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*