Alla “salute” di Marco Mengoni

Marco Mengoni
Marco Mengoni

Non poteva esserci augurio migliore per il giovane talento della musica (vincitore dell’edizione 2009 di X Factor) che brindare con le bollicine da Gran Medaglia d’Oro della Cantina di Valdobbiadene Bortolin Angelo Spumanti.

Oggi, giovedi 22 settembre a Milano, proprio il prodotto top della Cantina di Guia, il Valdobbiadene DOCG Extra Dry, insignito del prestigioso riconoscimento all’edizione 2011 del Concorso Internazionale Vinitaly, ha inaugurato “Solo 2.0” il nuovo disco dell’artista in occasione di un evento organizzato dalla Sony Music Entertainment Italy.

Un perfetto sodalizio tra un’eccellenza dell’enologia e un’eccellenza della vocalità italiana che si annuncia essere solo come un primo approccio della cantina al mondo della musica.

“Aromi e note: un binomio che mi piace – spiega Desiderio Bortolin, titolare della Cantina Bortolin Angelo Spumanti – così come mi piace l’idea di brindare al futuro di questo giovane artista. Le bollicine della nostra terra acquistano sempre più successo in tutto il mondo e proprio per questo noi produttori siamo chiamati ad essere ambasciatori e sostenitori delle altre eccellenze del nostro paese, soprattutto quando coinvolgono i giovani”.

Fondata nel 1968 da Angelo Bortolin, padre di Desiderio, la Cantina ha sempre prodotto vini di alta qualità, con le migliori uve vocate del territorio di Valdobbiadene (Treviso), dapprima D.O.C al 100% e dal 1° aprile 2010 D.O.C.G. al 100%. Un’eccellenza confermata a livello internazionale da numerosissimi premi e riconoscimenti ottenuti di anno in anno sia in “casa” a Valdobbiadene, che in Italia e all’estero.

Un successo che si traduce anche sul piano economico: nel 2010 il fatturato ha registrato una significativa crescita con un 16% in più sull’anno precedente e oltre 365 mila bottiglie vendute in tutto il mondo: dagli Stati Uniti a Hong Kong e Taiwan, dall’Australia a Germania, Francia, Regno Unito, Austria, Svizzera e in Giappone.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*