Tra i tartufi bianchi di Volterragusto

Torna come da tradizione l’appuntamento autunnale dedicato alle tipicità enogastronomiche di Volterra (Pi) e della Val di Cecina. Il contenitore di “Volterragusto” celebrerà anche quest’anno il pregiato tartufo bianco locale, prodotto simbolo di quest’angolo di Toscana, con la “14ª Mostra Mercato del tartufo Bianco delle Colline Sanminiatesi” in programma nei due fine settimana del 22-23 ottobre e 29-30-31 ottobre1° novembre (dalle 10 alle 20).

Ad affiancarlo formaggi, olio, vino, salumi, cioccolata e tanto altro ancora, in una carrellata di saperi e sapori che offrirà ai visitatori una panoramica a 360° di quanto di buono questo territorio è in grado di offrire.

Si replica la formula “itinerante” adottata già da due edizione che tanto successo ha riscosso fra il pubblico, con protagonisti i produttori della filiera corta volterrana: a suggestiva cornice degli stand saranno anche quest’anno le corti e palazzi storici della città, tappe di “Filo filo, boccon boccone”, itinerario del gusto che intreccerà gastronomia e cultura, i sapori della tradizione locale con alcune delle ambientazioni più emozionanti e meno note che Volterra è in grado di regalare. Ogni sosta darà diritto a un bollino da apporre su di un’apposita scheda, da ritirare nel punto informativo e riconsegnare completa al termine del percorso: ogni weekend un’estrazione premierà i fortunati vincitori con tanti premi davvero interessanti.

Nelle Logge di Piazza de’ Priori saranno invece ospitati espositori provenienti da altre zone, in un gemellaggio enogastronomico che fa di Volterra sempre più una capitale del gusto.

Stand e degustazioni insomma, ma Volterragusto tiene come sempre fede alla sua natura di evento ricco di momenti pensati per tutta la famiglia: fra le iniziative in calendario la corsa dei caci (domenica 23 ottobre, ore 15, via franceschini), attesissima gara in cui le contrade di Volterra si daranno battaglia facendo ruzzolare lungo il percorso cittadino le loro caciotte; la caccia al tartufo (martedì 1 novembre, ore 14.30, partecipazione gratuita), dimostrazione sul campo in compagnia dei tartufai volterrani e dei loro inseparabili segugi per scoprire dove e come scovare il pregiato tubero; l’esibizione a cura del Gruppo storico: sbandieratori e musici città di Volterra (martedì 1 novembre, ore 15.30, piazza dei Priori); uno spazio degustazione allestito nelle Cantine storiche di palazzo De Luigi, aperto in via eccezionale per l’occasione, a cura dell’Associazione Tartufai della Val di Cecina.

Senza ovviamente dimenticare uno dei momenti più attesi dell’intera rassegna, la consegna a un personaggio di spicco del settore enogastronomico del Premio Jarro (domenica 30 ottobre, ore 17.30 – Sala del Maggior Consiglio di Palazzo de’ Priori) quale riconoscimento per l’impegno nella divulgazione della cultura della buona tavola: ospite quest’anno sarà Roberto Burdese, Presidente nazionale di Slow Food, in un incontro aperto al pubblico.

Per tutta la durata della rassegna si rinnoverà inoltre la promozione “Volterra si gusto… e di cultura”, con la consegna ai visitatori di un coupon valido come riduzione sul biglietto di ingresso per diversi musei della città.

Volterragusto è una rassegna promossa dal Comune di Volterra, organizzata dall’Associazione tartufai della Val di cecina in collaborazione con Comitato Promotore per la Dop Olio Colline di Pisa, Associazione Pecorino delle Balze Volterrane, Condotta Slow Food di Volterra e Alta Val di Cecina, FISAR – delegazione storica di Volterra e Associazione Centro Commerciale Naturale e il contributo di Provincia di Pisa, Camera di Commercio di Pisa e Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra

www.volterragusto.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*